Top

Organizzare un viaggio è la parte più delicata e complicata per chi non ha praticità con il web e nel districarsi tra i vari siti.

Si rischia facilmente di perdersi nella rete e alla fine, per stanchezza, di prenotare il primo pacchetto viaggio trovato spendendo molto di più del preventivato.

Prima di tutto dobbiamo domandarci: dove andare? quando? quanti giorni?

In base a queste 3 domande già possiamo capire quali viaggi siano effettivamente realizzabili. Lunghezza del viaggio e periodo influiscono molto sulla meta da considerare.

Difficilmente andremo 4 giorni oltreoceano, oppure sarebbe rischioso andare in estate in zone battute da monsoni in un determinato periodo.

Informarsi sul paese di destinazione su clima, situazione politica, eventi e feste nei vari periodi deve essere la seconda cosa da verificare.

Magari troviamo una bella festività da fotografare come ad esempio Holi in India o il festival delle luci in Thailandia.

Quindi il primo consiglio dopo aver deciso la durata controllare se la meta tanto desiderata sia fattibile nel periodo scelto.

Cosa serve prima di partire

Il Passaporto

Controllate il vostro passaporto, data di scadenza, in genere devo avere validità residua di 6 mesi. Non avete il passaporto? Recatevi al comando di polizia più vicino e compilate il modulo. Ci vorranno circa 10/15 gg. Consiglio di farlo qualche mese prima della partenza, non si sa mai .

Alla domanda è necessario allegare:

– un documento di riconoscimento valido;
– 2 foto formato tessera identiche e recenti (attenersi strettamente alle indicazioni di questo articolo per evitare il rigetto della foto da parte delle nuove macchine che valutano la correttezza del formato);
– 1 marca per concessioni govemative di € 40,29 per passaporto;
– la ricevuta di pagamento di € 44,66 per il libretto a 32 pagine, e di € 45.62 per quello a 48 pagine.
Il versamento va effettuato sul conto corrente n.67422808 intestato a: Ministero dell’ Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro. La causale è: “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.
Se chi richiede il passaporto ha figli minori, anche non conviventi, è necessario che entrambi i genitori firmino, presso l’ufficio in cui si presenta la documentazione, la dichiarazione di figli minori.
Se l’altro genitore è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può allegare una fotocopia del documento firmato in originale ed il suo assenso scritto. Per maggiori info vistate il sito qui.

Il Visto

Il visto di ingresso è l’atto con il quale uno stato dà a un individuo straniero il permesso di accedere nel proprio territorio, per un certo periodo di tempo e per determinati fini. È internazionalmente noto col nome breve di visa, dal latino charta visa (“carta che è stata vista”).
A seconda del motivo di viaggio, sono disponibili diverse tipologie di visto:

  • Visto turistico: il più richiesto, è generalmente il meno costoso (talvolta gratuito) e permette di visitare il paese per un periodo compreso fra 30 e 90 giorni nella maggior parte dei casi.
  • Il Visto di transito: rilasciato a coloro che si fermano nel paese per un breve periodo (solitamente fra 3 e 7 giorni) per poi proseguire verso un paese terzo diverso da quello di provenienza.
  • Quello di studio/lavoro: è di solito il più costoso e anche quello che dura di più (6-12 mesi e oltre), viene richiesto da chi si vuole trasferire per lavorare o studiare nel paese, e talvolta i requisiti sono più stringenti rispetto al visto turistico.


Il visto elettronico o eVisa (dall’inglese electronic visa) è una procedura semplificata di richiesta del visto, che permette di evitare le code al consolato e snellisce la burocrazia, in quanto permette di pagare con carta di credito o di debito e di stampare il visto direttamente a casa propria, ritirarlo al consolato tramite appuntamento o all’aeroporto di arrivo.

Al 2020 43 paesi hanno implementato l’uso del visto elettronico.

Con il passaporto italiano si ha accesso a 22 paesi con il visto elettronico.
I cittadini degli Stati che hanno sottoscritto la Convenzione di Schengen possono entrare liberamente in Italia e soggiornarvi senza limitazioni, mentre gli altri sono soggetti a controlli di frontiera, in molti casi con l’obbligo del visto d’ingresso rilasciato da un consolato italiano all’estero.


Controllate se nel paese di destinazione serve per l’entrata il visto. In genere va fatto qualche mese prima, di solito online, oppure all’ambasciata della vostra città.

Biglietto aereo

La ricerca del volo è una delle parti più complesse da smarcare nell’organizzazioni di viaggio. Ci sono delle dinamiche e degli algoritmi che le compagnie aeree mettono in atto, con le quali il prezzo del biglietto è in continuo cambiamento.

Cosa vuol dire? Che ci sono dei periodi e dei giorni precisi per visionare le offerte e i prezzi delle compagnie aeree.

Il momento giusto per cercare le offerte migliori è 21 giorni prima (3 settimane) della partenza. Infatti, non conviene prenotare i voli troppo tempo prima. Sei mesi prima della partenza il prezzo medio dei biglietti è quasi il 20% più alto .
Provate a mettere in pratica le seguenti regole quando decidete di prenotare un volo:

  • Il mese migliore per prenotare un volo è Gennaio;
  • Il mese peggiore per prenotare un volo è Luglio;
  • Il giorno più conveniente per prenotare un volo è Martedì;
  • Il giorno meno conveniente è la Domenica;
  • L’ora del giorno migliore per prenotare un volo sono le 2 di notte;
  • L’ora del giorno peggiore per prenotare un volo sono le 13;
  • Prenotare di notte conviene leggermente rispetto alle ore diurne
  • almeno 15 giorni prima consente mediamente di risparmiare sul prezzo;
  • da 5 a 1 giorno prima del volo costa mediamente di più rispetto al prezzo medio del biglietto.

Trovare il momento migliore per prenotare un volo è fondamentale ma esistono anche molti altri accorgimenti per risparmiare sul prezzo del biglietto aereo.

Ecco i consigli e i trucchi per prenotare un volo al prezzo migliore

  • Controllare più volte il prezzo di un biglietto aereo. Monitorare il prezzo del volo a cui si è interessati permette di capire se il prezzo sale o scende in determinati momenti della settimana o del giorno; Ricordatevi di farlo con la navigazione anonima sul browser.
  • Cambiare aeroporto di partenza o di arrivo. Scegliere un aeroporto diverso può far diminuire sensibilmente il prezzo del biglietto aereo;
  • Partire o arrivare in settimana. Nel weekend i prezzi dei biglietti si alzano,  per risparmiare conviene prenotare i voli per un giorno a inizio/metà della settimana, sia per la partenza che per l’arrivo;
  • Controllare le offerte last minute. Solitamente prenotare all’ultimo momento non è vantaggioso ma i voli dell’ultimo minuto sono spesso offerti a prezzi scontati: se siete amanti del rischio, prenotare un volo last minute può far risparmiare una bella cifra.

Piccole cose da non sottovalutare
Una delle tante cose a cui non si pensa spesso è quello di verificare il tipo di prese di corrente nel paese in cui viaggerete, nel caso vi consiglio di acquistare e portare sempre con voi un adattatore multiplo. Lo potete acquistare su amazon.

Consiglio sempre un’ assicurazione di viaggio, soprattutto nei paesi extraeuropei. Bisogna sempre controllare se è necessario effettuare delle vaccinazioni. Noi di solito usiamo ViaggiSicuri. Fortunatamente non abbiamo mai dovuto utilizzarla.

Portate con voi una pochette con le medicine di prima necessità come antibiotico (tipo augmentin), antidiarroico (tipo imodium), antipiretico (tipo tachipirina), sali minerali, fermenti 5 miliardi (tipo codex), cerotti e disinfettante.
Inoltre controllate la valuta del luogo ed eventualmente prenotate in banca il cambio valuta qualche settimana prima del viaggio.

Come telefonare e rimanere sempre connessi

Quando si viaggia è importante poter comunicare in qualsiasi momento.In Europa, per fortuna,  dal 2107 è stato tolto il roaming e si può telefonare e navigare allo stesso costo della tariffa nazionale.

Quindi in qualsiasi paese europeo chiamerete o navigherete con lo stesso piano telefonico che avete in Italia.Attenzione però perché è valido solamente se lo utilizzate per chiamare numeri italiani. Il discorso cambia se state organizzando un viaggio intercontinentale, in tal caso si pagano cifre altissime.

Vi consiglio per prima cosa di sentire la vostra compagnia telefonica e scoprire se propongono dei particolari pacchetti.
Un buon metodo per rimanere sempre connessi è acquistare un router da viaggio e poi acquistare una sim in loco.

Oppure affidarsi a prodotti come WifiVox, TravelWifi che permettono di affittare un router wifi, che potete ricevere a casa o ritirare in vari uffici. Noi in Giappone affittammo quella offerta sul sito del Japan Rail Pass, e devo dire ci trovammo molto bene.

Fare una lista su cosa vedere e cosa fare

Per stilare l’itinerario perfetto dovrete documentarvi e fare una lista di tutto ciò che vi interessa , sicuramente non riuscirete a fare tutto ciò che un paese offre ma andare già con le idee chiare vi farà sicuramente risparmiare fastidiose perdite di tempo.

Come Spostarsi

Quello che consiglio è verificare in modo scrupoloso gli spostamenti con i mezzi, anche valutando le alternative. In molti paesi è attivo Uber, oppure i taxi sono convenienti rispetto ai treni. In questa fase è importante studiare ogni aspetto del posto,in particolare le distanze, i tempi di percorrenza e le condizioni delle strade (aiutatevi anche con Google Maps che permette di fare una previsione del traffico in base all’orario). Di solito io mi faccio una mappa, con le distanze, i punti di interesse e dove mangiare.

Dove Dormire

Indipendentemente dal tipo di viaggio è bene prenotare almeno la prima notte in modo tale da poter riposare al vostro arrivo, in viaggi oltre oceano a volte si arriva anche di notte o mattina presto.


Ci sono due modalità per organizzare un viaggio fai da te:
1) Prenotare e pianificare prima della partenza alloggi, spostamenti ed escursioni. Più pratico, ma può essere limitante.
2) Prenotare solo la prima notte e viaggiare all’ avventura. Si ha più libertà ma può essere più stressante.

Tutto questo vi spaventa? Non avete tempo per organizzarvi? Non avete voglia di stare ore sul computer a ricercare hotel e voli?
Mandate una email e lo farò io per voi, creando l’itinerario più adatto in base alle vostre esigenze, budget e durata del viaggio, compresi i mezzi di spostamento, alloggi e consigli su dove mangiare e i luoghi da non perdere.

error: Content is protected !!