Top

Sant’angelo di Roccalvecce è il paese delle fiabe del Lazio. Nel suo passato ha rischiato di essere un borgo fantasma in quanto abitato solo da anziani , ma grazie ad una delle associazioni del luogo ha ripreso a vivere. E’ stato salvato, nel dicembre del 2016,  dal presidente dell’ Associazione Culturale Arte e Spettacolo del luogo che ha pensato di trasformare il paese in un libro aperto di fiabe. Un bellissimo progetto che ha coinvolto artisti e artigiani della zona.

Volete vedere i video? Follow instagram account.

Da vedere

Quali sono le fiabe presenti nel paese di Sant’angelo?

  • Alice nel Paese delle Meraviglie (Piazza Vittorio Emanuele)
  • La spada nella roccia
  • Il brutto anatroccolo
  • Pinocchio
  • Gli gnomi dei Grimm
  • Il piccolo principe (incrocio tra Via Umberto I e Via della Piazza Nuova)
  • Peter Pan
  • La bella Addormentata
  • La piccola fiammiferaia
  • Don Chisciotte
  • Hansel e Gretel
  • Mowgli – Il figlio della giungla
  • La fabbrica di Cioccolato
  • Il giro del mondo in 80 giorni
  • Alì Babà e i quaranta ladroni
  • Pollicina
  • Le fate di Avalon (Via Roccalvecce)
  • Il Gatto con gli Stivali
  • Il Pifferaio magico
  • L’albero delle matite
  • La Bella e la Bestia

Nel paese i Sant’angelo troverete la piantina dei murales in molti dei negozi del paese oppure nei week end (specialmente in estate) di solito nella piazza principale, viene allestito uno stand di volontari come punto informazioni.

Ad aprire la sfilata di murales è “Alice nel paese delle Meraviglie” di Lewis Carrol, il simbolo per eccellenza di un mondo fantastico, popolato dal Capellaio Matto, lo Stregatto e la Regina di cuori. Il murales realizzato da Tina Loiodice si trova nella piazza principale a sottolineare il legame profondo tra la favola e rinascita del borghetto. Fate attenzione all’orologio del Bian Coniglio, che indica la data esatta in cui è iniziato il progetto, ovvero 11:27 (27 Novembre del 2017).

Sant’Angelo di Roccalvecce è un luogo in cui fare una passeggiata con la famiglia e far sognare i bambini, trascorrere una bella giornata tra i personaggi da loro amati.

Non poteva mancare la fiaba de La Bella e la Bestia. Non tutti sanno però che questa fiaba ha una base storica riconducibile, a questa zona del viterbese. Di fatto secondo alcune fonti la “bestia” sarebbe stato un nobile spagnolo affetto da ipertricosi, appartenente alla corte di Enrico II di Francia il quale a seguito del suo matrimonio con una bellissima damigella della regina Caterina, Capodimonte, sul Lago di Bolsena, dove morì nel 1618.

Sotto la mappa dei murales

Nei Dintorni

Non lontano da Sant’Angelo potete visitare Celleno, raggiungibile a piedi tramite un trekking, seguendo il Sentiero dei Castelli e del Borgo Fantasma.

A 30 minuti di macchina vi sonsiglio di Visitare Civita di Bagnoregio, andare a Bomarzo per un trekking oppure visitare Il Parco dei Mostri.

Area sosta camper

Nel paese di Sant’Angelo non ci sono aree sosta. E’ possibile raggiungere l’ Area sosta camper comunale della vicina Vitorchiano . Ci sono cestini per l’immondizia, area scarico, carico e torrette per l’elettricità. Si trova in Strada Provinciale 23 della Vezza, 19, 01030 Vitorchiano VT proprio nel piazzale vicino al MOAI. Al costo di 8€ per 24 ore. Il servizio di solo carico e scarico a 2€.

Per visionare le soste digita www.caramaps.com o scarica ll’app.
Scarica l’app di camperinfinityAPP

Come arrivare a Sant’ Angelo

Da Roma con circa 1 ora e mezza si raggiunge il paese. Parcheggiate al grande piazzale all’entrata del paese , proprio vicino ad un parco giochi di bambini.

Vuoi vedere altri tour in camper clicca qui.

error: Content is protected !!