Top

I Piani degli alpaca è l’allevamento più grande d’Italia, e inizia la sua attività nel 2015, con solo 11 esemplari. Attualmente l’allevamento comprende ben 150 esemplari di alpaca di razza huacaya, di colori diversi e di una dolcezza unica. Sorge in una delle zone più belle della maremma tosco-laziale, dove mare e natura si mescolano in perfetta armonia per dare vita a paesaggi strepitosi. Siamo a Tarquinia, in provincia di Viterbo, in una bellissima azienda agricola situata nel bel mezzo di campagne incontaminate. Qui, oltre a produrre orzo, fieno e girasoli, tra colture di oliveti e profumatissimi mandorleti, si allevano alpaca. (https://www.pianideglialpaca.it/).

Conoscete gli Alpaca?

Gli alpaca appartengono alla specie dei mammiferi camelidi e sono uno dei più piccoli tra i camelidi.  Assomigliano ad un cammello dal collo lungo senza gobbe. Sono originari del Sud America, dove da più di 4.000 anni vengono allevati come animali domestici, per sfruttarne soprattutto la fibra.

Hanno un collo peloso e caratteristiche simili al cammello come occhi grandi, labbra larghe, orecchie lunghe e nasi prominenti. Gli alpaca sono diventati famosi in tutto il mondo per la loro fibra ricca e fine, insieme al loro carattere gentile.

La loro pelliccia non produce lana, ma fibra pregiatissima, chiamata dagli Inca ” lana degli dei”, ed era riservata in passato ai nobili e ai regnanti proprio per la sua eccellente qualità. 

Gli alpaca sono erbivori e vivono in branco. Si adattano facilmente ad ogni clima e ad ogni tipologia di habitat, e questo permette di poterli allevare in ogni zona del mondo. 

Gli alpaca sono anche usati come animali da terapia nelle scuole, nelle case di cura e nei programmi che lavorano con bambini e adulti disabili.

Esistono due tipologie di alpaca: Gli Huacaya e i Suri. Gli Huacaya, che si trovano ai Piani degli Alpaca, hanno un pelo densissimo, morbido e le orecchie appuntite. La loro fibra cresce perpendicolare al corpo, in maniera uniforme. I Suri invece sono più rari da trovare e la loro fibra, più sottile,  cresce scendendo verso il basso. 

La visita guidata

Una visita guidata ai Piani degli alpaca regala momenti di straordinaria tenerezza. Siamo stati accolti nella tenuta e ci hanno spiegato alcune regole come attendere che l’alpaca sia tranquillo e non toccarlo subito. Non toccate mai il ciuffo degli alpaca, ne sono gelosi. Gli animali infatti non gradiscono assolutamente che venga loro accarezzata la testa. Inoltre non bisogna mai mettersi dietro di loro perchè potrebbero scalciare all’improvviso, e quindi farti male involontariamente. Non bisogna correre, urlare o fare gesti che possano spaventare gli alpaca. La passeggiata con gli alpaca è un modo di familiarizzare con l’animale, instaurando un bellissimo rapporto di fiducia.

Per i bambini non è consigliato guidare da solo l’alpaca per motivi di sicurezza ma può farlo insieme ad un adulto. Andate sul sito www.pianideglialpaca.it e scegliete l’esperienza, inserire il numero di partecipanti e scegliere giorno e ora tra quelli disponibili. I bambini sotto i sei anni non pagano.

La durata delle visita è di circa un’ora e non è possibile portare animali domestici nella fattoria.

error: Content is protected !!