Get Inspired

Todo List

a

Maps

Prefer

Top

Giordania

Tutto quello che offre la Giordania

Quando si pensa alla Giordania le prime cose che vengono in mente sono Petra, il Mar Morto e il Wadi Rum. La Giordania non è solo questo: ha davvero tanto da offrire .
Amman: la capitale della Giordania, può sembrare una città priva di nota, ma in realtà nasconde tanta storia e qualche piccola perla da scoprire. Andate alla scoperta di uno dei tanti souk della downtown di Amman di mattina presto. Recatevi poi alla Cittadella per visitare il Museo Archeologico Nazionale, il Tempio di Ercole e il Palazzo degli Omayyadi. Fate un giro nel grande Teatro Romano e poi immergetevi nella storia e nella cultura del paese nel Museo della Giordania. Dedicate a questa città almeno una giornata.
Jerash: uno dei siti romani più belli ed interessanti di tutto il Medio Oriente. Prendetevi almeno mezza giornata per perdervi in mezzo alle rovine di questo fantastico sito archeologico poco frequentato dai turisti. Non perdetevi una visita all’Arco di Adriano e al Tempio di Artemide, così come al Foro, al Teatro e al Tempio di Zeus. Compreso nel Jordan Pass.
Shaumari Wildlife Reserve: La riserva si estende su una superficie di 22 chilometri quadrati e ha lo scopo di reintrodurre alcune specie animali scomparse dalla regione. In particolar modo stanno cercando di reintrodurre l’orice arabo, considerato ormai estinto in natura, l’onagro persiano (asino selvatico), la gazzella subgutturosa e la gazzella di Dorcas. Potete fare dei safari di 3 o 4 ore all’interno della riserva per avere anche qualche possibilità in più di osservare alcuni dei predatori presenti, come la volpe grigia, il lupo grigio e il caracal.
Castelli del Deserto: I Castelli del Deserto sono 3 : Castello di Haraneh (Qasr al-Kharana), il Castello di Amra (Qusayr Amra) e il Castello del Walid (Qasr Azraq). Nel giro dei castelli di solito i tour includono anche Qasr Al-Qastal, Qasr Al-Muwaqqar, Qasr Mshatta, Qasr Hammam Assarah, Qasr Hallabat e Qasr Tuba.
Madaba: famosa per i suoi mosaici di epoca bizantina, come la Mappa di Madaba, il più antico mosaico pavimentale che contiene la rappresentazione cartografica originale sopravvissuta della Terra Santa e in particolare di Gerusalemme.
Monte Nebo: si dice sia il luogo da cui Mosè contemplò per la prima volta la Terra Promessa, che non riuscì mai a raggiungere. Sulla cima del monte si trova il Memoriale di Mosè, da cui si può ammirare il paesaggio fino a Israele e i Territori Palestinesi.
Aqaba e il Mar Morto: ad Aqaba, città di villeggiatura estiva, è bagnata dal Mar Morto. La sua salinità è dovuta all’alta concentrazione di minerali nell’acqua e della forte evaporazione. Grazie alla sua elevata salinità tutti riescono a galleggiare senza particolare fatica. Da qui nascono le ormai famose foto turistiche seduti sull’acqua leggendo il giornale. Fate un salto alla moschea Sharif Hussein bin Ali e al mercato che si trova negli immediati dintorni, per poi rilassarvi nella zona di Al Saada str. tra le più indicate per una bella passeggiata.
Piccola Petra: a circa 14 chilometri dalla più grande Petra, è un sito nabateo, con edifici scolpiti nelle pareti dei canyon di arenaria. È molto più piccolo di Petra ed è composto da tre aree aperte più ampie collegate da un canyon di 450 metri. Fa parte del parco archeologico di Petra, anche se vi si accede separatamente, ed è incluso nell’iscrizione di Petra come sito del Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.
Riserva Naturale del Wadi Mujib: definito orgogliosamente il Grand Canyon della Giordania, attraversa il paese dalla Strada del Deserto al Mar Morto coprendo una distanza di oltre 70 chilometri. Nel 2011 è stata dichiarata Riserva della Biosfera dall’Unesco. Oltre che per la spettacolare bellezza, è importante per il significato storico. Anticamente segnava il confine tra il regno degli amoriti (a Nord) e quello dei moabiti (a Sud).
King’s Highway: la strada più bella e panoramica della Giordania. Una strada serpeggiante ad ovest della Desert Highway, che inizia a sud di Amman e collega al-Karak, Madaba, Wadi Mujib e Petra. Da sempre è stata utilizzata per i grandi traffici commerciali, fino a quando non venne realizzata una strada più veloce all’epoca dell’impero ottomano. I Nabatei utilizzavano questa strada per trasportare merci preziose da Petra alla Siria,

COSE DA FARE IN GIORDANIA

Visitare Petra
Visitare Jerash
Visitare Wadi Mujib
Dormire nel Wadi Rum
Visitare Amman
Snorkeling del Mar Morto
Trekking
Escursione in cammello
Volo in mongolfiera

COSTI DI VIAGGIO

Il costo della vita in Giordania non è cosi basso come sembra causa il cambio sfavorevole. Per i tassi di cambio correnti visitate il sito www.xe.com.

Un dinaro giornaro equivale a 1,27 euro. Inoltre in viaggio avete la possibilità di pagare in Euro ma i prezzi vengono maggiorati a piacimento per coprire le spese di commissione per il cambio in dinari. Conviene sempre e comunque cambiare i soldi prima del viaggio.

 

Accommodation

In Giordania esistono diverse tipologie di alloggio. In generale il livello e la qualità degli alloggi è buono e le strutture sono di pulite e gli spazi delle camere grandi. La loro idea di lusso è assai lontana dalla nostra ma ce la mettono tutta, anche se non ci sono tutte le accortezze che si possono trovare in altri luoghi europei. Abbiate pazienza perchè i Giordani ce la mettono davvero tutta per farvi sentire a proprio agio nonostante alcune piccole pecche.

Food

La cucina Giordana è una cucina ricca di sapori intensi : nei menù si trovano zuppe per tutti i gusti, piatti speziati , carne, verdure.

Gran parte delle ricette tradizionali giordane può essere consumata per strada e acquistata dai venditori ambulanti o nelle piccole botteghe alimentari. La pita è un po’ la base di tutto: a volte viene farcita con le falafel, deliziose polpettine speziate fritte, oppure con Hummus la famosa crema di ceci, o con tahin (salsa di sesamo), aglio e limone, o la baba ghanouj, la crema di melanzane, tahin e  aglio  profumata con la menta. Un altro alimento spesso consumato per strada è il tipico spiedino di carne di montone, lo shish kabab, che nella sua variante a base di pollo prende il nome di shish taouk. Il piatto nazionale della Giordania è il mensaf, a base di carne di agnello che viene cotta nello jameed, un particolare tipo di yogurt.

Nelle zone del Wadi Rum, o valle della Luna, una valle erosa nel tempo dallo scorrere di un fiume che attraversava i suoi terreni sabbiosi contornati da roccia granitica e resa celebre da Lawrence d’Arabia che stabilì qui uno dei suoi avamposti durante la Rivolta Araba, ancora oggi si svolge il rito della Jaha, la tradizionale cerimonia del caffè beduina riservata agli ospiti più importanti.

Trasporti

Dal momento che Ramtha, nel nord, e Aqaba, nel sud, sono separate solo da 430km, la Giordania ha solo un volo domestico, che fa la spola tra Amman e Aqaba. Le due città più grandi, Amman e Irbid, hanno una rete di autobus pubblici cittadini piuttosto economici, ma sono pochi i mezzi che hanno la destinazione scritta in inglese.

Autobus: Gli autobus in Giordania offrono servizi regolari sui principali percorsi turistici. Sono dotati di aria condizionata. Non ci sono orari fissi e le fermate degli autobus possono essere davvero caotiche.

Dove il sistema dei trasporti pubblici è limitato o inesistente, le uniche alternative sono noleggiare un’auto oppure fare l’autostop. La seconda opzione non è mai completamente sicura, in nessun paese del mondo.

Minibus Privati: Alcuni alberghi di Amman, Madaba, Petra e Aqaba offrono servizi di navetta e/o escursioni che hanno come meta i principali siti turistici, inclusi quelli del Deserto Orientale.

Taxi: Molti giordani si spostano in taxi collettivi. Una buona alterativa al noleggio auto. I taxi bianchi pubblici offrono servizio condiviso con altri passeggeri, mentre i taxi privati gialli sono per viaggiatori che vogliono viaggiare da soli. Siccome non sempre viene attivato il tassametro, si consiglia di mettersi d’accordo in anticipo sul costo della corsa. I tassisti parlano spesso un inglese basico e offrono servizi convenienti anche per trasferimenti lunghi.

 

 

Budget giornaliero suggerito medio – 40/100EUR

Modi per risparmiare

1
Taxi Dividere il taxi.
2
Bus Gli autobus costano poco ed il servizio è efficiente.
3
Voli Prenotate con largo anticipo.
4
Affitto auto Fate attenzione alle strade.

5
Trekking Ci sono molti trekking e posti davvero belli da visitare magari con una guida.
6
Appartamenti Se siete più persone convengono molto gli appartamenti. Ci sono molti supermercati e mercati dove acquistare cibo.
7
Treni Sicuramente prenotare il trasporto in mezzo la settimana vi permette di risparmiare, avendo comunque un buon trasporto comodo, veloce e pulito.
8
Snorkeling Ad Aqaba località di mare.

Cosa sapere prima di partire

Come arrivare in Giordania: L’aeroporto principale della Giordania è il Queen Alia (AMM), situato circa 43 chilometri a sud della capitale. Il secondo è il King Hussein (AQJ), situato a soli 10 chilometri a nord di Aqaba. Se atterrerete in questo aeroporto sarete esonerati dal visto. Da ottobre 2018 Ryanair ha inaugurato alcune tratte dirette per Amman in partenza, ad esempio, da Bologna e da Bergamo. Essendo una compagnia low cost, seppur noi non la consigliamo, i prezzi fuori dall’alta stagione sono molto convenienti. Partenze anche da Roma Ciampino. La durata del volo è di circa 3 ore e 40 minuti.

La compagnia di bandiera Royal Jordanian effettua la tratta Milano Malpensa – Roma Fiumicino – Amman e ritorno, ma i prezzi non sempre sono abbordabili. Noi abbiamo trovato una buona offerta con la Turkish Airlines facendo la tratta Milano Malpensa – Istanbul – Amman e ritorno.

La Giordania è un paese fra i più fotogenici al mondo e gli abitanti del posto si mettono spesso in posa per essere fotografati. Se così non fosse, chiedi loro prima il permesso soprattutto alle donne.

I taxi in Giordania sono molto economici, e UberX lo è ancora di più. Prima di arrivare qui ti consigliamo di scaricare l’app di Uber e utilizzarla per i tuoi spostamenti in città. Ad Amman infatti il trasporto pubblico è inesistente e per raggiungere qualsiasi posto della città avrai bisogno di un taxi o di una macchina. Prima di salire su un taxi tieni a mente che la tariffa massima che potrai pagare per gli spostamenti in città è di massimo 5JOD.

Documenti di viaggio: Per viaggiare regolarmente in Giordania, vi basterà essere in possesso di un passaporto in corso di validità e del visto (che vi verrà rilasciato dalle autorità giordane direttamente al vostro arrivo in aeroporto). Se atterrate ad Aqaba il visto è gratuito. Gratis anche se acquistate il Jordan Pass.

Per entrare in Giordania da altri aeroporti con passaporto italiano occorre un visto turistico, il cui prezzo varia in base agli ingressi nel paese:

  • Ingresso singolo: 40 JD
  • Due ingressi: 60 JD
  • Visto con validità di sei mesi e ingressi multipli: 120 JDSi può ottenere in due modi:
    • Direttamente all’arrivo in aeroporto dopo lo sbarco, al costo di 40 JD (circa 51€).
    • Acquistando il Jordan Pass online, prima del viaggio, solo se passerai 3 o più notti consecutive in Giordania.

Jordan Pass:

Jordan Pass Base al costo di 70 JOD, il Visto sarà incluso, ed ecco che già vi conviene. Esistono tre tipologie di Jordan Pass che si differenziano solo per il numero dei giorni da dedicare a Petra. Sul sito ufficiale del Jordan Pass trovate tutte le informazioni dettagliate in Italiano. Prima di partire ti conviene acquisare online il JORDAN PASS, una carta che comprende l’ingresso ai principali siti turistici della Giordania (da Petra a Jerash a Wadi Rum) e anche il costo del visto d’ingresso nel paese; una buona opzione per risparmiare. Se pernottate invece 3 notti in Giordania il visto è gratuito. Se atterrate ad Aqaba anche li il visto non si paga.

Personalmente alla fine noi non lo abbiamo fatto perchè non ci conveniva, il visto comunque non lo avremmo pagato, e tra i vari siti avremmo dovuto pagare solo Petra e l’ingresso al Wadi Rum. Se contate però di fare un giro più lungo e vedere altri luoghi sicuramente il Jordan vi farà risparmiare.

Collegamenti: Affidarsi a visite guidate rende tutto più semplice, ma anche se ti muovi autonomamente e con budget ristretto hai diversi modi per girare la Giordania. Una volta superate le frontiere, trovare trasporto pubblico decente è un po’ difficile perciò il taxi può essere una soluzione plausibile per spostarti. Da Aqaba circa 2 ore per arrivare a Petra. Alternativa è noleggiare un’auto per raggiungere le varie destinazioni e nella capitale Amman puoi farlo facilmente.

Elettricità: Prese Inglesi ed Europee. Munirsi di adattatore.

Utilizzare il telefono cellulare: Se hai necessità di usare internet ovunque, consiglio di acquistare una SIM card all’aeroporto di Amman o Aqaba, dove i negozi di telefonia mobile sono aperti 24/7. Una SIM costa generalmente 10 JD e i piani tariffari partono da 5 JD.  Il Wi-Fi, anche se a volte un po’ debole, si trova comunque in moltissimi posti, persino dentro al sito archeologico di Petra. In Giordania ci sono tre operatori telefonici principali: Zain, Orange Telecom e Umniah. Se noleggerete l’auto vi consigliamo di acquistare una SIM locale per poter utilizzare Google Maps o anche solo per reperire informazioni utili durante gli spostamenti. I vostri amici e parenti per chiamarvi dovranno comporre lo 00962 prima del vostro numero. La ricezione del segnale è buona in tutto il Paese tranne nel Wadi Rum, dove non c’è proprio campo. Potete anche utilizzare il wi-fi che troverete nella maggior parte degli hotel e in molti ristoranti, ma non sempre il segnale è buono. Noi ci siamo trovati isolati per due giorni nel Wadi Rum.

Assistenza sanitaria:  Fate sempre una assicurazione medica quando viaggiate. Per un viaggio in Giordania non ci sono vaccinazioni obbligatorie da fare, ma sono consigliate, previo parere medico, le vaccinazioni contro l’epatite A e B. Tra le malattie endemiche presenti ci sono ameba, parassiti intestinali, epatite B e colera (basso rischio). Inoltre ci sono diverse malattie alimentari come il coronavirus. Vi consigliamo di evitare cibi crudi, non bere acqua corrente ma acqua e bibite in bottiglia e senza aggiunta di ghiaccio. Portate con voi un buon repellente per le zanzare e le classiche medicine da viaggio, tra cui un anti diarroico, un buon farmaco contro il vomito, un anti dolorifico.

Guidare in Giordania: Per guidare un’auto a noleggio in teoria bisognerebbe avere la patente internazionale in pratica però è sufficiente anche la patente italiana.  Per richiedere la patente internazionale dovete recarvi in motorizzazione presentando, oltre alla patente di guida in corso di validità, i seguenti documenti:

  • modello di richiesta TT746 (che potete trovare presso gli uffici) compilato e firmato
  • attestazione del versamento di € 10,20 sul c/c 9001 (bollettino prestampato che potete trovare in posta o in motorizzazione)
  • attestazione del versamento di € 16,00 sul c/c 4028 (bollettino prestampato che potete trovare in posta o in motorizzazione)
  • una marca da bollo da € 16,00
  • due fototessere recenti, di cui una autenticata. Potete farla autenticare direttamente allo sportello se siete voi a richiederla personalmente.
  • fotocopia fronte e retro della patente di guida in corso di validità e della tessera sanitaria.

La guida è a destra come in Italia e le macchine sono tutte con cambio automatico. Consiglio di rispettare i limiti segnalati sulle strada perché ci sono molti posti di blocco della polizia e parecchi dossi PER NULLA segnalati, dello stesso colore della strada. In poche parole, quando te ne accorgi è generalmente troppo tardi.La guida dentro alla città di Amman è molto caotica, oltre al fatto che non vengono utilizzate le frecce e i pedoni attraversano fuori dalle strisce pedonali.Quindi, se non ti senti tranquillo, consiglio di lasciare l’auto in uno dei garage che si trovano appena entrati in città e affidarsi a un autista per un tour della capitale.Trovarli non sarà difficile perché si buttano letteralmente in mezzo alla strada per attirare la tua attenzione. Noleggiare un’auto può essere costoso. Ci sono molte agenzie ad Amman, qualcuna ad Aqaba e un paio di uffici all’aeroporto Queen Alia e alla frontiera a King Hussein. Le tariffe migliori le trovate ad Amman. Tra le agenzie presenti vi segnaliamo Avis (www.avis.com.jo; ad Amman, Aqaba e King Hussein Bridge); Budget (budget@go.com.jo); Eagle Rent-a-Car (eaglerentacar@wanadoo.jo); Europcar (www.europcar.jo); Firas Car Rental (alamo@nets.com.jo); Hertz(www.hertz.com.jo); National Car Rental (www.1stjordan.net/national; ad Amman e Sheikh Hussein Bridge); Reliable Rent-a-Car (www.reliable.com.jo).

Benzina: un pieno costa più o meno 25 JD (circa 32€).

Clima: Il clima della Giordania è tendenzialmente arido, con picchi di calore che si verificano soprattutto tra i mesi di giugno e agosto, e in prevalenza nella Valle del Giordano (ovvero la zona più bassa del paese). Qui, le temperature possono infatti sfiorare anche i 43°, mentre nel resto della Giordania queste si aggirano intorno ai 32° di massima in estate. La Giordania si divide essenzialmente in due fasce climatiche: la zona settentrionale e occidentale del Paese è caratterizzata da un clima temperato, con inverni freddi (dai 4 ai 14 gradi) e umidi ed estati calde (dai 17 ai 31 gradi) e secche. La maggior parte della Giordania è occupata da un altopiano con diverse altitudini che causa variazioni di clima e temperatura tra le diverse località. Durante tutto l’anno si ha una forte escursione termica tra il giorno e la notte.

Tuttavia, poiché la maggior parte del territorio è occupata da un grande altopiano (con altezze comprese tra i 700 e i 1200m), gli inverni possono risultare abbastanza freddi nelle zone più a nord con temperature comprese tra i 15° di massima e i 4° di minima.

Moneta: La moneta locale è il Dinaro Giordano (JOD) che vale circa € 1,27. In Giordania il costo della vita non è elevato, ma non è nemmeno una destinazione economica.Per cambiare i contanti, evita di farlo in aeroporto perché il cambio è sfavorevole e la commissione molto alta. Come in ogni paese arabo, anche in Giordania si tratta sul prezzo, sarà quindi un’ottima occasione per affinare le tue doti da contrattatore. In Giordania è possibile pagare in molti posti con bancomat e carta di credito dei principali circuiti come Mastercard, VISA, Cirrus e American Express. Ovviamente però portate sempre con voi un po’ di contanti in quanto alcuni locali tipici e negozietti di souvenir accettano solamente i contanti. Vi consigliodi non cambiare i soldi agli sportelli di cambio, soprattutto in aeroporto, ma di prelevare direttamente i contanti dagli sportelli ATM in modo da avere il tasso di cambio corrente.

Il fuso orario giordano è di +1h rispetto all’orario italiano.

Qui sotto la mappa dei luoghi che abbiamo visitato:

Seguite il mio viaggio su istagram.

0
error: Content is protected !!